Goldiges Tor, Goldentor, Kloten, Zürich, Switzerland, Antonio Violi

La leggenda della porta d’oro

Lo stagno Goldiges Tor l’ho scoperto per caso. Pedalando a nord di Zurigo, fra l’aeroporto e l’autostrada.

Goldiges Tor significa “porta d’oro”. Un cartello spiega che il nome deriva da una leggenda.

Goldiges Tor, Kloten, Zurigo, Svizzera, Antonio Violi

Eccola, in breve: Un pastorello pascola le pecore attorno allo stagno. Una sirena emerge dall’acqua, lo agguanta e si inabissa tirandoselo dietro. Un contadino accorre alle urla, ma trova tutto tranquillo. All’improvviso, lo stagno risputa fuori il bambino. Il contadino lo asciuga e rincuora. Boccheggiante, il pastorello gli racconta che è appena sfuggito a una sirena che l’ha trascinato in una città sotterranea con una grande porta d’oro.

Osservo l’acqua dello stagno. È proprio trasparente. Sul fondo, chiazze di sabbia ribollono e piccoli fori eruttano rena dai riflessi… d’oro.

Goldiges Tor, Kloten, Zurigo, Svizzera, Antonio Violi

Posted

in

by

Tags:

Comments

4 risposte a “La leggenda della porta d’oro”

  1. Avatar Lorenzo C.

    Le leggende svizzere sono un po’ meno tragiche di quelle scozzesi 🙂

    1. Avatar Antonio Violi

      Immagino di sì, Lorenzo. Saluti

  2. Avatar Gianluca D'Aniello
    Gianluca D’Aniello

    Per me in base a questo scritto si potrebbe in qualche modo scrivere un libro di narrativa avventura per giovani e non solo….

    1. Avatar Antonio Violi

      Grazie Gianluca. Da una ricerca sul web, ho visto che la leggenda si trova in alcune raccolte di favole e detti svizzeri. Un saluto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: