Brancaleone Vetus, il senso di un luogo abbandonato

Brancaleone Vetus, il senso di un luogo abbandonato

Abbandonato nel 1953, Brancaleone Vetus è un borgo fantasma. In Calabria, arroccato su un colle, sorveglia un ampio tratto di costa ionica. Una vera e propria ghost town con ancora molto da rivelare.

Di origini antiche, l’allora Brancaleone Superiore venne sfollato negli anni cinquanta. E poi trascurato per lungo tempo. Nel 2008 finalmente nasce il Parco Archeologico Urbano di Brancaleone Vetus. Ben gestito dalla Pro-Loco di Brancaleone.

Brancaleone Vetus, Superiore, Calabria, Italia

Perché visitare Brancaleone Vetus?

Credo che i paesi abbandonati dicono molto di noi: chi siamo, da dove veniamo, e perfino dove andiamo. Sono musei open-air che mostrano la vita di prima dello smartphone.

Ho con me il libro di Vito Teti Il senso dei luoghi. La mia guida ai borghi abbandonati in Calabria. Prima di salire quassù ho riletto le pagine dedicate a Brancaleone.

E Brancaleone Vetus ha molto a che fare con me. I miei genitori sono originari della zona. Questo borgo abbandonato è lo scenario dei racconti dei miei nonni. Il posto giusto per comprendere le loro storie.

Brancaleone Vetus, Calabria, ghost town, Italy

A Brancaleone Vetus

Dall’odierna Brancaleone la strada serpeggia fino ai 311 metri dell’antico borgo. Avvicinandosi cattura subito lo sguardo la chiesa color sabbia. Rinnovata nel 2008, ora ospita il Centro documentazioni di Brancaleone Vetus.

Brancaleone Vetus Superiore, Calabria, Italia

Le rocce rosse lunari

Dietro la chiesa, un sentiero sale al nucleo storico del borgo. Avanzo a testa in su sotto la roccia a strati della rupe. Mi tengo lontano dai grappoli di fichi d’india che penzolano dalla roccia.

Cesare Pavese – confinato dai fascisti a Brancaleone – le definì “le rocce rosse lunari”.

Brancaleone Vetus Superiore, Calabria, Italia.

Il nucleo storico del borgo

L’accesso al borgo è libero. In cima trovo lo spiazzo lasciato dalla chiesa crollata a inizio novecento. Da quassù, la vista spazia dalla costa ionica fino ai primi contrafforti dell’Aspromonte.

Scruto l’orizzonte dove il cielo incontra il mare. È da lì che arrivavano i pirati saraceni. Le loro scorrerie portavano morte e distruzione.

Dalla Brancaleone sulla costa, una strada si allunga verso il borgo antico. Lungo questa via vennero costruite le case popolari per gli sfollati. Con vista sul paese vecchio.

Brancaleone Vetus Superiore, Calabria, Italia.

Dell’antica chiesa matrice sono rimasti solo sepolcri vuoti incastonati nel pavimento. E questa lapide del 1741.

Brancaleone Vetus Superiore, Calabria, Italia.

Piazza Vittorio Emanuele

Era la piazza principale di Brancaleone. Dove ci si ritrovava per parlare e festeggiare. Adesso il silenzio è rotto solo dal vento con i suoni della Brancaleone sul mare.

La piazza ora è piena di buche. Erano le aperture per silos scavati nella roccia. Qui si conservavano le granaglie del paese.

Brancaleone Vetus Superiore, Calabria, Italia.

Mi accuccio dentro un silo per scattare questa foto.

Brancaleone Vetus Superiore, Calabria, Italia.

La grotta dell’albero della vita

Nascosta dietro la piazza, c’è la grotta-chiesa dell’albero della vita. Una delle tante grotte scavate nella rupe.

Un pilastro centrale scolpito nella roccia simboleggia il tronco. I rami accennati nel soffitto. È l’albero della vita. Simbolo religioso portato dagli armeni in epoca bizantina.

Graffiate sulla parete, una croce e un pavone stilizzato. Altro simbolo armeno arrivato attraverso il Mediterraneo.

Brancaleone Vetus Superiore, grotta albero della vita, Calabria, Italia.

Tutto torna alla terra

Scendo lungo la scarpata sotto la piazza. Erba alta invade il sentiero. Odore di origano.

Dentro i ruderi, niente tubature, fili elettrici, servizi igienici. Il paese venne trascurato di proposito?

Inciampo sulle pietre di un muro appena crollato. Qui tutto sembra tornare alla terra. Inesorabilmente.

Brancaleone Vetus Superiore, Calabria, Italia.

Il cimitero

Tombe basse. Arrangiate. Lapidi con fotografie in bianco e nero. Visi scavati di gente di Brancaleone.

Ripenso all’epigrafe letto in molti cimiteri: “Noi eravamo come voi, voi sarete come noi”.

Tutto torna alla terra.

Brancaleone Vetus Superiore, Calabria, Italia.

Ti potrebbe interessare

5 risposte a “Brancaleone Vetus, il senso di un luogo abbandonato”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: