Il trabocco del Turchino

Trabocco Turchino, Marina di San Vito, Costa dei Trabocchi, Abruzzo

Costa dei Trabocchi, Abruzzo. Qualche anno fa, una mareggiata ha abbattuto il vecchio trabocco del Turchino. Quello sulla foto è una ricostruzione, probabilmente l’ennesima.

Chissà, forse tra qualche anno apparirà come lo descrisse Gabriele D’Annunzio nel 1894:

“Il legno esposto per anni e anni al sole, alla pioggia, alla raffica, mostrava tutte le fibre, metteva fuori tutte le sue asprezze e tutti i suoi nocchi, rivelava tutte le particolarità resistenti della sua struttura, si sfaldava, si consumava, si faceva candido come una tibia o lucido come l’argento o grigiastro come la selce, acquistava un carattere e una significazione speciali, un’impronta distinta come quella d’una persona su cui la vecchiaia e la sofferenza avesser compiuto la loro opera crudele.”

– D’Annunzio, Il trionfo della morte


Pan di Zucchero, Masua, Nebida, Sardegna

Sardegna, Pan di Zucchero

Dov’è il Pan di Zucchero? A Rio de Janeiro, dirai. Sì, ma non solo. Nel mio ultimo viaggio in Sardegna, ho scoperto che c’è un altro scoglio con lo stesso nome. Con i suoi 133 metri di altezza il Pan di Zucchero sardo è il faraglione più alto del Mediterraneo.

3 Comments

I commenti sono chiusi.